ICOT e congresso Società Italiana di Cardiologia: un legame sempre più stretto!

ICOT e congresso Società Italiana di Cardiologia: un legame sempre più stretto!
0 15 dicembre 2017

a cura di Massimiliano Macrini

Come di consueto, Dicembre è il mese in cui si rinnova l’appuntamento con l’annuale Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia (SIC), giunto alla sua 78° edizione.

Dal 15 al 18, nella prestigiosa cornice dell’Hotel Rome Cavalieri Hilton, i più autorevoli Cardiologi italiani ed internazionali, tra cui Renu Virmani, Peter Libby, Paul Casale, Eberhard Grube, Stephan Windecker e molti altri, si alterneranno nelle varie aule del centro congressuale, mettendo a disposizione della comunità scientifica tutta la loro esperienza ed esponendo tutte le nuove acquisizioni nei vari ambiti della Cardiologia.

Oltre a simposi in cui verranno trattati argomenti che spazieranno dalla cardiopatia ischemica alle valvulopatie, dallo scompenso cardiaco alle aritmie, dalle cardiomiopatie alle vasculopatie periferiche e non solo, estremamente interessanti saranno i Fellow Courses di Cardiologia Interventistica, di Imaging Multimodale nella cardiopatia ischemica, delle malattie del miocardio e di elettrofisiologia.

Appuntamento imperdibile, anche quest’anno, in Aula L, sabato 16 dicembre, sarà il Simposio ICOT, ovvero “The FIC Italian Young Cardiologists working group (ICOT) meets ESC Cardiologists Of Tomorrow (COT)”.

Dopo il saluto iniziale del Presidente della Società Europea di Cardiologia (ESC), Prof. Jeroen Bax, dei Presidenti SIC, Prof. Giuseppe Mercuro e ICOT, Dr.ssa Cristina Raimondo, dalle 9 fino alle 18, cardiologi italiani ed europei under 40 esporranno i principali argomenti di interesse cardiologico in otto sessioni, ad ognuna delle quali seguirà un dibattito che nelle scorse edizioni ha riscosso notevole interesse, una sorta di “congresso nel congresso” diventato, ormai, un appuntamento fisso da sei anni.

Particolare attenzione sarà dedicata alla descrizione di interessanti casi clinici, soprattutto quelli più complessi, ma non mancherà un trait d’union tra le relazioni: la musica.

I titoli delle relazioni che verranno presentate si ispirano, infatti, a quelli di grandi successi italiani ed internazionali: quale “leitmotiv” migliore per unire persone accomunate dagli stessi interessi?!

Quest’anno, inoltre, per la prima volta durante il simposio tutti i giovani cardiologi presenti in aula potranno “sfidarsi” in argomenti di elettrocardiografia, ecocardiografia, farmacologia e di gestione di casi clinici, nella edizione italiana della great Jeopardy americana, competizione che vede fronteggiarsi ogni anno i fellow più coraggiosi in occasione del Congresso dell’American College of Cardiology (ACC).  I più bravi verranno selezionati per far parte del team italiano che parteciperà alla sfida internazionale che si terrà durante il Congresso ACC 2018. Provare per credere…anzi per partire!

Posted in Blog